Posizione: Home  » Index e Estratto dal libro  » Estratto - Ognuno muore da solo


Estratto - Ognuno muore da solo

Una parola umana è un concetto
che può avere molti contenuti
Cari amici, per secoli la nostra società
si è creata un’immagine del mondo che è in
fondo riferita soltanto all’aldiqua, alla dimensione
che rispecchia lo spazio e il tempo.
Il modo di pensare e la “vita“ della
maggior parte delle persone si limitano a
ciò che avviene nello spazio e nel tempo e,
in tal senso, si considera come „vita“ ciò
che si svolge in “questa esistenza“ o nell’“
esistenza in questa dimensione“.
In questa mia “Lettera di Gabriele” cercherò
di spiegare l’aldiqua, ossia “questa
esistenza“, in modo che ogni persona veramente
alla ricerca possa comprendere
meglio il significato dei contenuti delle nostre
parole umane, come per esempio “vi18
vere e morire per continuare a vivere“ oppure
“morte“ e che cosa esse ci possono comunicare.
Ciò è importante perché comunichiamo
tramite il linguaggio, ossia ci capiamo per
mezzo di parole. Tuttavia, spesso non sappiamo
se veniamo veramente compresi dai
nostri simili, dato che il linguaggio umano,
come mezzo di comunicazione, trasmette le
informazioni soltanto in modo indiretto, come
contenuto del recipiente costituito dalle
parole.
Gli esseri spirituali nell’Essere puro comunicano
in modo diretto per mezzo della
sensazione originaria che è, allo stesso tempo,
un’immagine. Anche nella dimensione
materiale le forme di vita della natura, che
sono prive di colpa – ossia gli animali, le
piante, le pietre, la madre terra, gli astri, le
forze elementari – si collegano tramite immagini
per trasmettersi le informazioni.
Invece noi uomini, che ci siamo allontanati
dalla corrente universale divina dell’amore
e dell’unità universale e che ci serviamo
quindi del linguaggio con i suoi concetti
come mezzo sussidiario, non possiamo
mai essere del tutto certi che i nostri simi19
li traggano dalle nostre parole ciò che noi
abbiamo voluto esprimere, ossia trasmettere.
Le parole sono recipienti, involucri che
possono contenere tutta una gamma di contenuti,
a seconda di ciò che la persona che
le esprime ha posto dentro di esse, ossia di
ciò che essa ha posto nelle parole, nei recipienti.
Ciò viene espresso come contenuto
nell’involucro costituito dalla parola.
Tuttavia, dato che il singolo spesso non
si rende conto né di ciò che pone nelle proprie
parole, né dei sentimenti, delle sensazioni,
delle intenzioni e ambizioni che si
trovano dietro ai propri pensieri, la maggior
parte di noi non è nemmeno in grado
di comprendere nel profondo le parole del
nostro prossimo, per coglierne il contenuto.
Spesso ci troviamo quindi di fronte alle parole
del nostro prossimo, senza sapere che
cosa ci vogliono dire. La stessa cosa vale
per le parole scritte.
Per questo motivo anche per me è difficile
esprimere e spiegare in parole ciò che
so, ciò che vedo nel mondo con gli occhi
dello Spirito e ciò che mi viene mostrato come
percezione spirituale interiore dell’aldi20
là e che mi è manifesto come strumento di
Dio, affinché possa essere compreso nel
cuore e con la mente da chi è alla ricerca
della verità. Comunque voglio provare a
farlo ugualmente.

Grafik Vivere e morire per continuare a vivere

Un libro che riguarda chiunque desideri superare la paura della morte per giungere ad un modo di vivere consapevole, per acquisire sicurezza, tranquillità e stabilità interiore. Infatti, come scrive Gabriele: „Chi impara a comprendere la propria vita non ha più paura della morte.“
Il lettore scoprirà correlazioni fino ad ora sconosciute in merito alla vita e alla morte, sulle condizioni in cui si trova l'anima nelle diverse situazioni del processo della morte e su ciò che aspetta l'anima di una persona nell'aldilà, dopo il decesso del corpo fisico.






Pagg. 216



Sconto del 15% sul prezzo di copertina!

Leggi il testo in pdf [554 KB]
 

9,50 EUR

Codice prodotto: s368it  

+ Spese di spedizione

Grafik Disponibile per consegna immediata  
 
Quantità:   copie



Grafik Grafik